Siciliando e il tour satirico tra i templi di villa Adriana – 22 Febbraio 2020 ore 9,30

Tra le oltre cento ville che costellavano la Piana dei Colli, ce n’è una che è stata dedicata, cosa nel Settecento assai rara, a una donna. La nobildonna si chiamava Adriana e la sontuosa dimora si trova alla fine del primo tratto di via San Lorenzo. Siciliandostyle ha il piacere di farvi vivere una nuova e suggestiva esperienza, mostrandovi le eleganti sale affrescate da Vito D’Anna e Elia Interguglielmi e il sorprendente museo della Sicilianità che si trova all’interno della stessa. 

La passeggiata, come sempre, sarà curata dal professore Drago Emanuele, autore del fortunato libro “Palermo in un Romanzo” e supportata dalla guida turistica Barbara Mazzola. 

Chiunque volesse partecipare o ricevere informazioni, può farlo inviando una email all’indirizzo siciliandostyle@gmail.com o al numero Whatsapp 3661332786

Condizioni riservate ai nostri associati (per partecipare se non già associati occorre tesserarsi versando una quota annuale di soli 5 euro che dà diritto ad una serie di agevolazioni) 

-12 euro a persona (compresa colazione che verrà offerta alla fine del tour della villa) 

–  6 euro per i bambini sotto i 12 anni (farà fede un documento o autocertificazione da parte di uno dei genitori).

(Durata dell’intero tour 1 ora / 1,5 circa)

A TU X TU CON…

Amici di Siciliando, nei prossimi giorni partirà sul nostro gruppo e sul nostro sito www.siciliando.org, la nuova rubrica con cadenza periodica che si chiamerà
“A TU X TU CON…”
Siciliando dialogherà con vari personaggi , talenti ed eccellenze siciliane nel mondo dello spettacolo, dello sport , della cucina, del cinema , del teatro , scrittori , chef, artisti e personaggi della cultura più in generale.

L’intervista che leggerete avrà l’ambizione di far conoscere tanti talenti emergenti ma ancor di più conoscere più in profondità i personaggi che oggi possiamo definire eccellenze del territorio .
Già pronta la prima che uscirà a breve.

La rubrica verrà curata da Benedetta Manganaro di Siciliando.

Siciliando presenta “La Mattanza” dell’artista Domenico Cocchiara

“La Mattanza” è il titolo dell’opera dell’artista Domenico Cocchiara che Siciliando avrà l’onore di presentare sabato 4 gennaio presso la Galleria delle Vittorie di Palermo.

Storie di pesca e di cialome nell’opera di Cocchiara: una grande tela dove il rosso e il blu occupano lo spazio e il mare è protagonista.

In un sovrapporsi di volumi e emozioni, l’artista di Bivona, figura di riferimento nel panorama artistico nazionale, rappresenta ancora una volta la Sicilia con un racconto antico, quello della pesca del tonno e delle tonnare, e un tratto nuovo e inconfondibile.

Un racconto tradotto su tela, pigmento che diventa trama e prende vita.

Appuntamento alle 17.00 in via Maqueda 299, presso la Galleria delle Vittorie. L’opera resterà esposta sino a domenica 5 gennaio.

Siciliando media partner dell’evento del Natale 2019 “Un tuffo nel passato”

Immaginate di fare un salto nel passato e di ritrovarvi ospiti a un evento d’eccezione della nobiltà siciliana. Di muovervi tra epoche diverse e scoprire come capi e mode possano raccontare con un linguaggio nuovo la nostra terra.

Ad accompagnarvi ci sarà Siciliando che vi aprirà le porte di “Un tuffo nel passato”, la manifestazione che si terrà a Bagheria sabato 21 e domenica 22 dicembre, organizzata dall’Associazione “La Piana d’Oro” e patrocinata  dalla Regione Siciliana, Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e dal Comune di Bagheria.

Si inizia sabato 21 dicembre, a Villa Butera con l’esposizione storico culturale di costumi d’epoca che vanno dal Settecento agli inizi del Novecento e che appartengono alle collezioni di Angela Costa, Ignazio Rondone e dell’associazione Bella Époque. Una mostra fuori dal comune perché, a farvi da guida,  sulle note di Verdi e Mozart, Bach e Strauss, ci saranno figuranti in costume a spiegare usanze e aneddoti dei più importanti casati siciliani.

La magia prosegue domenica 22 dicembre quando la storia prenderà vita con la parata in costume che si snoderà tra Piazza Garibaldi e villa Butera. Proprio qui il gran finale: il Gran Ballo dell’Ottocento, eseguito dal gruppo storico Bella Époque.

E sarà davvero come fare un tuffo nel passato sui passi di un valzer tra morbide stole in seta, nastri, perline, cilindri e sgargianti taffetas.

L’arte che suggerisce. Siciliando incontra il maestro Nicola Liuzzo

L’arte che suggerisce, l’arte che emoziona. Un’emozione lieve, delicata, veloce come una pennellata. 

L’incontro con Nicola Liuzzo ha la stessa grazia e leggerezza, uno scambio di battute quasi accennate, bisbigliate.

Nicola Liuzzo, pittore, scultore, maestro incisore. La sua bottega e scuola, nel borgo medievale di Milazzo ha per anni accolto artisti con la sua stessa passione. Ed è con esponenti autorevoli come Michael Taylor e Jeffrey Dell che si è confrontato sulla sua personale tecnica sperimentale per la quale è stato ospite al Connecticut Collegee in America.

Lo incontriamo al Palazzo della Cultura di Messina dove è in corso la Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea e la preselezione per la XIII Biennale di Roma 2020.  Durante l’evento verrà insignito dal Professore Andrea Calabrò, direttore artistico della Galleria Xarte La Principina di Castroreale, del premio “La Principina 2019”, una menzione d’onore per l’encomiabile impegno artistico e didattico.

Nicola Liuzzo non lo sa, è una sorpresa. “Avrebbe fatto il diavolo a quattro” – ci racconta la figlia Eleonora – “le regole non gli sono mai piaciute”.

“Perché l’arte è libertà, è ciò che si ha dentro. L’arte non la puoi imbrigliare” – ripete Nicola.

Lo sguardo si posa sugli ultimi tenui acquerelli da lui realizzati. I fiori, gli oggetti di uso quotidiano, cose e luoghi che raccontano l’animo di un poeta, un poeta d’immagini che sa emozionare raccontando la vita e la terra che ama, la Sicilia, in modo limpido, diretto.

Lo stesso modo schietto in cui Nicola Liuzzo ti guarda quando si parla di arte e del ruolo dell’artista oggi. Allora il tono della voce si alza e lo sguardo s’accende ed è come se quell’emozione lieve diventasse tempesta.

“Perché l’arte è strumento e l’artista ha il dovere di indicare ciò che accade e anticipare la direzione da intraprendere”

Le celebri marionette di Nicola Liuzzo, ispirate ai burattini dell’Ottocento, manovrabili, inermi, in attesa che qualcun altro ne decida l’incedere, sono quasi un monito di ciò che l’uomo può ma non deve diventare.

Ed è proprio il maestro Liuzzo a ripetere le parole impresse sul frontone della facciata del Teatro Massimo di Palermo: ”  “L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire”.

Un avvenire in cui il maestro Liuzzo continua a credere, certo che l’uomo, essere dotato di intelligenza, ne preserverà bellezza e grazia proteggendolo dalla distruzione.

Il team Siciliando

Il Biondo a Palermo con Siciliando

Arte, cultura, bellezza. E’ la grande magia che il teatro Biondo a Palermo, diretto dall’attrice Pamela Villoresi, regala ad ogni spettacolo.

Siciliando, con una convenzione di prestigio, offre a tutti i suoi associati un dono prezioso da fare e da farsi. Presentando la tessera Siciliando, sarà possibile acquistare tre spettacoli e, con un euro in più, assistere ad un quarto.

La prosa, la musica e la danza del teatro Biondo con Leonardo, di Emiliano Pellisari, produzione NoGravity Dance Company  – il genio e l’arte del maestro nel 500mo anniversario della morte; PaGAGnini di Yllana e Ara Malikian – un esilarante melting pot di musica classica e pop, un medley di emozione e humour esplosivo; Il contrabbasso di Patrick Suskind, regia e luci di Henning Brockhaus; Storia di un oblio, di Laurent Mauvignier, regia Roberto Andò con Vincenzo Pirrotta. 

Per associarsi all’associazione culturale SiciliandoStyle e prendere parte alle numerose iniziative, è possibile inviare una mail all’indirizzo SiciliandoStyle@gmail.com o un messaggio al numero WApp 3661332786.

Raccontiamo la Sicilia. Raccontiamo bellezza.

Siciliando e il “Mare di Colori” di Daniela Verduci.

Mostra personale al Circolo Ufficiali Unificato di Palermo

L’arte e i colori dell’artista Daniela Verduci in mostra al Circolo Ufficiali Unificato  di Palermo in Piazza Sant’Oliva 25 a Palermo.

Siciliando sarà presente all’inaugurazione della personale che si terrà il 1° dicembre p.v. alle ore 17.30.

A dialogare con l’artista Vincenzo Perricone, Presidente dell’Associazione SiciliandoStyle a cui Daniela Verduci racconterà il suo, una produzione artistica legata a doppio filo al mondo del mare e alle creature che lo abitano. Migliaia di pesci, simbolo di fertilità e rinascita, in vortici cromatici ed esplosioni di vitalità. Un caos liquido a tratti innocente e incantato, a tratti pop, una vera e propria cromoterapia su tela e non solo. Daniela Verduci è un’artista poliedrica che spazia dalla creazione di oggetti al facepainting.

Ingresso su invito.